Marzo 2017 – Rossi IGT, Serie 4

DENOMINAZIONE NOME DEL VINO ANNATA AZIENDA GIUDIZIO VOTO
Toscana Rosso IGT  Merla della Miniera 2013 TERENZUOLA profumi puliti di frutti rossi e spezie – palato morbido, soffice, molto ben equilibrato – godibile da subito e con buone prospettive di sviluppo nel tempo – da uve canaiolo nero  88
Toscana Rosso IGT Mora del Roveto 2014 USIGLIAN DEL VESCOVO confetture di amarene e sentori boisé – ben fatto, non complesso ma di buon equilibrio, con una vena acida che conferisce un po’ di respiro nel finale 85
Toscana Rosso IGT Mormoreto 2013 FRESCOBALDI colore scuro, fittissimo- vino intenso, potente, ma ancora molto tannico e ruvido nel finale – è ancora indietro nell’evoluzione, con un equilibrio al momento precario – da attendere  86
Toscana Rosso IGT Murtas 2013 SAN MICHELE A TORRI sentori affumicati e cioccolatosi – il rovere è ben presente anche sul palato che, tuttavia, riesce a riprendere quota nel finale uscendo con una promettente ariosità 86
Toscana Rosso IGT Raddese 2013 VIGNAVECCHIA strutturato, di stile convenzionale, con una presenza del rovere che al momento appare decisamente esuberante 82
Toscana Rosso IGT Sancta Catharina 2010  DEI profumi in via di definizione con affioramenti dolciastri – ingresso invitante sul palato, che si sviluppa con agilità e scorrevolezza per chiudere su tannini ancora un po’ ruvidi 86
Toscana Rosso IGT Zobi 2010 VILLA S. ANDREA molto scuro nel colore, spiccatamente fruttato nei profumi, ha un impatto caldo con l’alcol in eccessiva evidenza – la chiusura è piuttosto rapida 82

Marzo 2017 – Cottanera e i suoi rossi

Ho raccolto alcuni assaggi, effettuati lo scorso anno, dei principali vini rossi di Cottanera, nota azienda etnea. È interessante notare, anche se forse favorita dalla disomogeneità delle annate, la diversa caratterizzazione delle tre etichette di Etna.

DENOMINAZIONE NOME DEL VINO ANNATA AZIENDA GIUDIZIO VOTO
Etna Rosso Cottanera 2013 COTTANERA profumi delicati, di una certa finezza, di stampo floreale – palato che si distingue per freschezza e verticalità, con piacevole acidità di corredo  88
Etna Rosso Diciassettesalme 2014 COTTANERA i terreni più argillosi conferiscono un carattere più ruvido, espresso dalla morsa tannica decisa – robusto, concreto ma privo dell’articolazione degli altri Etna aziendali  85
Etna Rosso Riserva Zottorinoto 2012 COTTANERA carattere territoriale ben espresso, molto salino e minerale, con tratti floreali nei profumi – in bocca è teso, denso, di buona scioltezza anche se ancora un po’ tannico – più terra che sole, come è giusto che sia in un Etna 91
Sicilia Mondeuse Ardenza 2012 COTTANERA intrigante e originale nei profumi dai connotati floreali e speziati – vino elegante, succoso, di bella beva, di relativa complessità ma dalla personalità ben definita 90
Sicilia Syrah Sole di Sesta 2013 COTTANERA speziato nei profumi – fruttato, succoso, non complesso ma piacevole – di buona tessitura ma leggermente tannico in chiusura  87

Marzo 2017 – Anteprime toscane, Brunello di Montalcino 6

BRUNELLO DI MONTALCINO 2012, sesta parte

TENUTA DI SESTA
aromaticamente ben definito su note tipiche di alloro e tabacco – attacco dolce-alcolico, sviluppo ordinato, equilibrato, con tannini ben dosati e finale pulito 88

SESTA DI SOPRA
tonico, sapido, di buona presa e grinta sul palato, repentino nella chiusura 84

SESTI
dallo stile classicamente evoluto di tendenza elegante, mostra scioltezza, una rinfrescante vena acida ma un finale privo del consueto slancio 88

SOLARIA, PATRIZIA CENCIONI
integro nel frutto, è deciso, carnoso, avvolgente – il finale è ancora un po’ boisé ma dotato di una spinta progressiva – può salire 88

TALENTI
l’impatto è nitido, preciso, fresco, succoso, dotato di un frutto denso e fragrante – ottimamente bilanciato, ha il ritmo giusto e una chiusura tonica e coerente 92

TERRE NERE
il tatto è un po’ ruvido, forse necessita di maggior tempo per assorbire le attuali spigolosità 83

TIEZZI – Poggio Cerrino
pulito, fresco, ben registrato sul piano tannico – la chiusura è ariosa e piacevole, manca di un pizzico di complessità ma è decisamente riuscito 89

TORNESI
proporzionato, lineare, di rassicurante e pacata dolcezza – manca il contrasto adeguato, come pure lo stacco finale, ma è abbastanza gradevole 84

UCCELLIERA
sentori di terra, sottobosco, tartufo – stile terroso e verace – vino robusto, ben civilizzato, di buona tenuta nel finale 89

VAL DI SUGA
corretto, ordinato, di apprezzabile scioltezza, mantiene agilità e coerenza stilistica, scollegandosi leggermente nel finale 86

VENTOLAIO
l’acidità è piuttosto spiccata, è ben articolato, possiede ritmo, movimento e una personalità originale, con profumi di violette e melograno – si disunisce leggermente nel finale ma riesce a distinguersi 89

VERBENA
intenso e caloroso nell’impatto, impacciato e poco disinvolto nello sviluppo 82

VILLA AL CORTILE
note dolci di vaniglia al naso, sapore lineare, semplice, in debito di carattere 83

VILLA LE PRATA
più maturo nel frutto che nei tannini, si difende egregiamente mostrando buona compostezza e un convincente rilancio finale 87

VILLA POGGIO SALVI
dignitoso e rigoroso nello stile, manca di avvolgenza mantenendo un assetto piuttosto rigido 84

Marzo 2017 – Anteprime toscane, Brunello di Montalcino 5

BRUNELLO DI MONTALCINO 2012, quinta parte

POGGIO ANTICO
di medio peso estrattivo, si sviluppa con sufficiente scioltezza ma si smarrisce nel finale 84

POGGIO ANTICO – Altero
avvolgente, pieno, il rovere non manca ma ha il supporto di una struttura compatta – il finale è intenso e saporito ma non lunghissimo 88

POGGIO DI SOTTO
profumi eleganti di rose, fragole selvatiche e fiori di pesco – l’ingresso sul palato è insieme dolce e freschissimo, elegante, ha un cambio di passo sorprendente, con continui rilanci – chiude lunghissimo, senza intralci tannici e una rinfrescante vena acida sullo sfondo 96

POGGIO IL CASTELLARE
di buon volume, ha pienezza e reattività – il finale è sapido, di media spinta 86

RIDOLFI
lento nello sviluppo, con una trama tannica ingombrante anche se il profilo stilistico è rigoroso 84

CASTELLO ROMITORIO
struttura robusta ma è un po’ sovraestratto con il tannino in esubero 83

SALVIONI, LA CERBAIOLA
la dolcezza del frutto è ben contrastata dalla fermezza sapido-tannica – rilancia e prende quota, anche se non è lunghissimo 91

SAN GIORGIO
strutturato ma un po’ ruvido, il tannino intralcia l’evoluzione sul palato e, al momento, limita la giusta espansione 84

SAN LORENZO – Bramante
bel tatto felpato, è morbido e vellutato – l’acidità e il rovere tendono a scomporlo nel finale ma il vino si riassesta rapidamente – promettente 89

SAN POLO
ben fatto, caldo e rotondo ma non pesante, è piacevole ma un po’ semplificato nel finale 86

SANCARLO
il frutto è integro, denso, bilanciato, ben calibrato – ha una bella presa sapida sul palato senza sconfinare in toni aggressivi e una chiusura fresca di media complessità 90

SANTA GIULIA
note evolute al naso e presenza di tannini di dubbia maturità che tolgono scioltezza alla beva 81

VASCO SASSETTI
un po’ dolce all’impatto, si avvale di un’apprezzabile freschezza di fondo che dona ariosità e respiro alla beva 88

SCOPETONE
fresco, quasi guizzante sul palato, rivela una buona “mano” anche se un tocco di rovere affiora nel finale e il carattere è solo medio 85

SCOPONE
possiede grinta e sapidità ma il tannino e i profumi non sono proprio finissimi 81

© 2016 ErGentili - build proudly by Stuwebmakers and Wordpress
contact: info@ernestogentili.
Privacy Policy