Aprile 2017 – Alto Piemonte, Ghemme

 

DENOMINAZIONE NOME DEL VINO ANNATA AZIENDA GIUDIZIO VOTO
Ghemme DOCG dei Mazzoni 2013 MAZZONI TIZIANO inizialmente poco disciplinato e farraginoso, si ricompatta rapidamente, svelando grinta, energia e un fondo sapido-minerale degno di nota 88
Ghemme DOCG Oltre il Bosco 2011 BRIGATTI FRANCESCO l’impatto è leggermente dolce, alcolico, si avvertono parziali vuoti a centro bocca e tracce di ruvidità tannica ma nel finale recupera ariosità e stile 87
Ghemme DOCG Balsina 2011 IOPPA intenso nel colore e nei profumi, che si alternano tra note laccate e balsamiche – la struttura è forte e decisa anche se non proprio finissima 86
Ghemme DOCG Lorenzo Zanetta 2011 ZANETTA SERGIO E VALTER

possiede un carattere, dal timbro gessoso e terroso, ben definito e attraente, ma è penalizzato da un’evoluzione accentuata ed evidenziata da decisi tratti ossidativi

83
Ghemme DOCG Ca’ Nova 2010 CA’ NOVA profumi invitanti di violette, agrumi, lamponi freschi – il tatto è elegante, fresco, flessuoso, dinamico – ottimo vino 91
Ghemme DOCG Vigna Pelizzane 2010 TORRACCIA DEL PIANTAVIGNA inizialmente sciolto e levigato nello sviluppo, mostra anche una positiva tensione gustativa che perde grazia e orientamento a causa di un tannino ruvido che nel finale asciuga il palato 85
Ghemme DOCG Chioso dei Pomi 2009 ROVELLOTTI non ha certamente una struttura monumentale ma l’acidità presente dà slancio, freschezza, aumenta il senso di spregiudicatezza – il finale non è particolarmente incisivo ma è pulito e coerente, di “mano” elegante 88
Ghemme DOCG Mirù 2007 MIRU’ potente e alcolico al primo impatto, si allarga con incedere approssimativo e chiude su una base tannica piuttosto ruvida – indubbiamente vigoroso ma di scarsa finezza 82

Commenta