SELEZIONE VINI 2021: TENUTA di CAPEZZANA

Per il territorio di Carmignano, per non dire della Toscana intera, la presenza di un’azienda storica come la Tenuta di Capezzana non può essere che motivo di vanto. Punto. Dopo un incipit del genere, così insolitamente riverente per chi mi legge abitualmente, potrei chiudere e passare ad altro argomento oppure cambiare tono e criticare ferocemente i vini della famiglia Contini Bonacossi.
Ma non ho motivi concreti per farlo. Sicuramente il Ghiaie della Furba ha conosciuto edizioni migliori ma il peso dell’annata 2017 si è fatto evidentemente sentire e ha comunque solo da guadagnare dalla permanenza in bottiglia; gli altri rossi di spicco erano invece assenti in questa occasione, ma il Villa di Capezzana 2018 e il Barco Reale 2019 hanno entrambi ben figurato. Le note più liete sono arrivate quindi dal delizioso – quando mai non lo è? – Vin Santo 2013 e dal sempre più convincente Trebbiano, decisamente buono nell’annata 2019 e in grado di promettere una crescita ulteriore con la prossima uscita della 2020.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

SELEZIONE VINI 2021: ROCCA DI MONTEGROSSI

Sottolineo spesso l’importanza di saper attendere il momento giusto per poter apprezzare adeguatamente un vino, ma ricordo anche che l’attesa non debba durare decenni, il mio è solo un invito a non essere troppo frettolosi con certe tipologie e generalmente è sufficiente lasciare scorrere una o due stagioni in più per coglierne gli aspetti fondamentali. Un preambolo necessario per introdurre gli assaggi dei vini di Rocca di Montegrossi che, escludendo le “bottiglie” più semplici e già godibilissime come il Chianti Classico 2019 e il Rosato 2020 del quale ho già trattato qui, esprimono con gradualità il loro vero carattere.
Non è un caso, quindi, che il Chianti Classico Gran Selezione San Marcellino 2016 e il rinomato Vin Santo 2010 siano stati proposti in assaggio solo quest’anno e non è un caso che i riscontri ottenuti siano stati eccellenti e ben meritevoli di questa attesa supplementare.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

SELEZIONE VINI 2021: VILLA CALCINAIA

La nutrita schiera di Chianti Classico di Villa Calcinaia – tutti dell’annata 2018 – si è rivelata meno squillante del consueto pur garantendo, come da consolidata tradizione, un livello qualitativo più che apprezzabile; in compenso è salita alla ribalta una deliziosa versione 2011 del Vin Santo dei Conti Capponi: una di quelle bottiglie che potrebbero far ricredere anche i più scettici sui pregi della storica tipologia toscana.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

© 2016 ErGentili - build proudly by Stuwebmakers and Wordpress
contact: info@ernestogentili.
Privacy Policy