Previous Next

I VINI DELLA FATTORIA di FUGNANO

I segnali di riscossa dei “rossi” di San Gimignano, già segnalati in altri casi, ricevono un ulteriore conferma dall’assaggio dei vini della Fattoria di Fugnano. Sia il Colorino che il Sangiovese, seppur chiaramente diversi tra loro, sono caratterizzati oltre che dallo stesso nome in etichetta – Donna Gina – anche da un’affinità stilistica che li …

Continua a leggere

RACCONTI BORDOLESI, la premessa

Per scrivere compiutamente di un territorio bisogna averlo frequentato da tempo, aver conosciuto direttamente i personaggi più rappresentativi, averne vissuto i vari passaggi storici, i cambiamenti, gli umori, il confronto con le tendenze di gusto e di mercato del momento, oltre ad aver condiviso le evoluzioni tecniche e climatiche che ne hanno condizionato e, talvolta, …

Continua a leggere

MONTESPERTOLI ALLA RIBALTA

Tutti i vini che mi sono stati presentati dal Castello Sonnino sono risultati degni di essere recensiti, in un contesto complessivo decisamente soddisfacente ma non del tutto previsto: un Chianti Montespertoli che svetta in cima al gruppo non me lo sarei proprio aspettato, soprattutto con l’annata 2017. Chi è il colpevole di questo misfatto? Come principale …

Continua a leggere

I VINI DEL CASTELLO DI MELETO

Non sempre la Gran Selezione costituisce il miglior Chianti Classico proposto in assaggio ma nel caso del Castello di Meleto debbo convenire che la gerarchia è rispettata grazie a un’interpretazione centrata della versione 2016, soprattutto sul piano della caratterizzazione varietale e territoriale. Il resto delle etichette è meno ambizioso ma non delude: esecuzioni precise per …

Continua a leggere

I VINI DE LE MACCHIOLE

Il successo dei vini de Le Macchiole è consolidato da tempo, i trofei si accumulano, molti produttori non farebbero altro che celebrarli, ma non Cinzia Merli che è più critica di qualsiasi critico nei confronti dei suoi vini: c’è una punta di alcol in più, il tannino non è del tutto maturo, manca l’allungo finale, un …

Continua a leggere

IL BRUNELLO CARLO MOLINARI

Non ho avuto molte opportunità sino ad ora di assaggiare con continuità il Brunello Molinari Carlo di Marisa Colombo, uno di quei produttori un po’ schivi e nascosti o, almeno, scarsamente vocati nel comunicare il proprio operato. L’occasione di rimediare in una volta è capitata con una piccola verticale di cinque annate (dal 2007 al …

Continua a leggere

I BOLGHERI DI TENUTA ARGENTIERA

Come ho più volte sottolineato quest’anno, in molti casi la fresca e diretta bevibilità dei Bolgheri Rosso 2018 si è fatta preferire alle strutture massicce e statiche dei ben più ambiziosi Bolgheri Superiore 2017. Non hanno fatto eccezione i vini della Tenuta Argentiera, il cui Bolgheri Superiore, pur comportandosi egregiamente nell’ambito della sua tipologia, ha …

Continua a leggere

I VINI DI CASCINA VAL DEL PRETE

Sicuramente l’annata 2016 – diffusamente eccellente su tutto o quasi il suolo italico e non solo – ha dato un contributo non irrilevante alla buona riuscita di molti vini e il Roero Riserva di Cascina Val del Prete ne è testimone buono e valente. Ma ridurre ai favori di un’annata propizia tutto l’assaggio dei vini della …

Continua a leggere