VINO DEL GIORNO: Lessona 2015 La Prevostura

I vini delle denominazioni di Lessona, Boca, Ghemme e Gattinara sono recensiti nell’ultimo Report pubblicato ieri, a completamento delle degustazioni dei vini dell’Alto Piemonte, svoltesi lo scorso 30 di marzo. Le difformità stilistiche e interpretative tra un produttore e l’altro sono ancora piuttosto marcate ma il territorio nord-piemontese, nel suo complesso, continua a suscitare un’attenzione e un interesse assolutamente giustificati dall’alto potenziale qualitativo messo in mostra e ancora non del tutto espresso.

Dopo aver già dedicato alle DOC Fara e Boca uno spazio in questa rubrica, ho pensato di dare risalto, nella vetrina odierna, ad un Lessona. E vado sul sicuro se “copio e incollo”, dal Report sopra indicato, le seguenti note:

Lessona Doc La Prevostura 2015

trasparente ma vivo nel colore, realizzato con “mano” attenta, è elegante, sfumato, fresco, con finale sapido di buona lunghezza. Un vino di compiuta maturità stilistica.

Maggio 2017 – Alto Piemonte, Lessona e Boca

 

DENOMINAZIONE NOME DEL VINO ANNATA AZIENDA GIUDIZIO VOTO
Lessona DOC La Prevostura 2013 LA PREVOSTURA di colore leggero e brillante, dai profumi floreale e agrumati, è arioso, molto fresco e saporito, reattivo e sapido – possiede misura e carattere 91
Lessona DOC Riserva Massimo Clerico 2011 CLERICO MASSIMO bel colore brillante, in apparenza semplice ma ben fatto, dal tatto gentile e scorrevole, aperto, dotato di apprezzabile allungo 87
Lessona DOC Tanzo 2010 CASSINA PIETRO note di mandarini e cedro risaltano nei profumi, rilancia con continuità senza affondare il morso tannico sul palato – il finale è meno coinvolgente del previsto ma il taglio stilistico è elegante e centrato 89
Lessona DOC Riserva La Badina 2010 LA BADINA pulito e ben impostato, mostra un tannino poco socievole e ruvido a tratti anche se non manca di grinta 84
Lessona DOC Omaggio a Quintino Sella 2009 SELLA ha forse l’attenuante di una bottiglia non perfetta (la prima era tappo sparato): non nitidissimo al naso ma di buon impatto sul palato dove scorre e si amplifica – nel finale si irrigidisce nuovamente lasciando una scia tannica poco convincente 85
Boca DOC Il Rosso delle Donne 2012 CANTINE DEL CASTELLO – CONTI diretto, preciso, scattante sul palato – presenta ancora qualche scoria tannica a centro bocca che con il tempo dovrebbe risolversi e permettere una crescita ulteriore 88
Boca DOC Barbaglia 2012 BARBAGLIA SERGIO invitante sul piano aromatico, dai nitidi sentori di cedro e lamponi freschi – il disegno stilistico è definito, lineare, ordinato e, anche se non sembra un’annata in grado di offrire la profondità dei millesimi più riusciti, è ben equilibrato e molto piacevole 89
Boca DOC CD 2012 CARLONE DAVIDE il colore è intenso, non tipicissimo forse, ma la tessitura tannica è convincente e il frutto presente e succoso – non complesso ma molto giovanile e piacevole 87
Boca DOC Garona 2011 PODERI GARONA piuttosto evoluto nel colore, conferma al naso, note di fiori secchi, e sul palato, dove il tannino tende alla secchezza, le stesse impressioni evolutive – la chiusura è un po’ rugosa ma non priva di carattere 81
Boca DOC Vigna Cristiana 2010 PODERE AI VALLONI profumo aperto e invitante dal carattere agrumato e floreale – sapore continuo, elegante, molto slanciato, anche se leggermente frenato da una scia di secchezza finale – assaggiate due bottiglie decisamente diverse tra loro: queste note sono riferite a quella “sana” 91