Il mistero dell’acqua e la verticale del Vigna Bastignano di Villa Calcinaia

La suddivisione in parcelle dei vigneti di Villa Calcinaia a Greve in Chianti è iniziata diffusamente agli inizi del secolo e Vigna Bastignano non è soltanto il primo cru aziendale – Chianti Classico Gran Selezione – ad esordire sul mercato ma è anche indiscutibilmente il vigneto di sangiovese che dà origine al vino più completo e rappresentativo della storica proprietà dei Conti Capponi. Piantato nel 2004 nella forma definita “Alberello di Lamole” a un’altitudine di 280/300 metri, con esposizione a est, sud/est, su terreni composti per il 43% da limo, per il 32% da sabbia e per il restante 25% da argilla, si è sorprendentemente distinto da subito per la struttura robusta ma non aggressiva e il buon equilibrio complessivo.
Credo che a questo punto chiunque legga queste informazioni, noiosamente simili nella forma – altitudine, esposizione, composizione dei terreni – a quelle riportate su molte pubblicazioni dedicate al vino (guide, annuari, comunicati stampa etc..) possa chiedersi cosa sarebbe cambiato se invece del 43 di limo ce ne fosse stato un 39%. Domanda più che legittima anche perché, come sottolineava Pierre Casamayor in un articolo apparso sulla Revue du Vin de France verso la fine del secolo scorso (ormai scandisco il tempo a secoli), anche i terreni della Borgogna hanno certamente una vocazione naturale per la coltivazione della vite ma la loro pur articolata struttura non possiede in fondo caratteristiche così straordinarie e inimitabili. Che cosa, in realtà, li ha resi tali? Semplice, l’acqua. L’acqua che nutre e dà vita. L’acqua corrente e non stagnante, che darebbe l’effetto opposto, la cui velocità di scorrimento nel sottosuolo è determinante e dipende dalla composizione del terreno, dalla pendenza, dalla vicinanza di altri corsi d’acqua di dimensioni maggiori. Ecco allora che le percentuali di limo, sabbia e argilla acquistano un senso e la contemporanea presenza accertata di piccole vene acquifere, attratte ( e velocizzate) dal fiume Greve a fondo valle, giustificano e chiariscono i singolari pregi, da vero cru, della Vigna Bastignano che non soffre la sete nelle stagioni aride e non beve mai troppo in quelle umide.
Una vigna così giovane e già così espressiva, come spiego più dettagliatamente qui, in zona abbonati, negli appunti della verticale di otto annate effettuata lo scorso mese di febbraio presso i locali dell’Osteria Gucci a Firenze.

ANTEPRIMA 2022 NOBILE DI MONTEPULCIANO

La naturale carica tannica e il fondo di acidità presenti nel Nobile rendono il classico vino di Montepulciano lento ad aprirsi e mostrare da subito l’equilibrio ottimale, per cui gli assaggi delle “Anteprime”, pur se provvidenzialmente spostati di un mese rispetto alle vecchie consuetudini, non riproducono adeguatamente il valore reale dei vini degustati. Alcuni di essi sono in una fase di totale chiusura, altri più pronti e aperti: non è questo il momento per stilare graduatorie di merito ma solo per avere un’impressione sul potenziale delle annate e sull’indirizzo stilistico che ogni azienda (e l’intera DOCG) sta intraprendendo.

In ogni caso la tendenza che, ancora con qualche resistenza, si sta affermando è indirizzata sull’uso di legni di affinamento più grandi e su estrazioni tanniche più calibrate. Certo la ricchezza di annate come la 2019 non favorisce i toni più sfumati, il grado alcolico ha pur sempre un’incidenza notevole, ma il raffronto – a memoria mia – con altre annate del passato recente mette in evidenza vini più equilibrati e potenzialmente anche più eleganti.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

ANTEPRIMA VERNACCIA DI SAN GIMIGNANO, RISERVE E SELEZIONI

Non scrivo queste righe con piacere ma debbo far presente che il resoconto in oggetto non sarà puntuale e preciso come avrei voluto. Ed è un vero peccato perché in questa fase il livello qualitativo dei vini assaggiati, con la decisiva complicità delle ottime annate 2020 e 2019, non si era mai mostrato così alto. Purtroppo però non sono stato in grado di effettuare la degustazione in modo adeguato all’importanza dei vini presentati a causa di due motivi fondamentali.

Il primo è da ascrivere purtroppo all’inefficienza del servizio, in parte perché il numero dei sommelier assegnati alla mia sala era insufficiente e in parte perché tra quelli presenti mi è toccato il più lento e indisponente dell’intero emisfero boreale. La lentezza di servizio sarebbe però un ostacolo superabile se, come solitamente succede in queste situazioni, abbondasse il tempo a disposizione, ma qui entra in gioco il secondo motivo. Alle 12.30 è stato infatti stabilito che ci fosse un pranzo con i produttori. Mi spiego meglio: non dalle 12.30 in poi chi voleva poteva andare a pranzo, ma alle 12.30 tutti a pranzo. Come in caserma. I sommelier hanno interrotto il servizio e dato che il mio tavolo – causa la lentezza di cui sopra – era in ritardo e che da abitudini ormai ventennali – alla mia età guai a chi mi tocca le abitudini – degusto solo la mattina, ho dovuto assaggiare gli ultimi 15 vini (con tutta probabilità i più interessanti) in sette-otto minuti.
Si può fare di meglio? Sicuramente si, ma, per non farla troppo lunga, diciamo che non ho avuto fortuna.

I dettagli (stringati) della degustazione sono, comunque e come sempre, consultabili qui.

ANTEPRIMA VERNACCIA DI SAN GIMIGNANO 2021

È probabile che il millesimo 2021 della Vernaccia di San Gimignano possa riservare in futuro qualche sorpresa con le versioni Riserva e Selezione ma il calore e la secchezza dell’annata non sembrano essere stati molto favorevoli alla riuscita dei vini più giovani che fondano sulla freschezza e sul dinamismo le loro migliori possibilità di riuscita. Il confronto con la 2020 è in questa fase penalizzante, tuttavia anche quest’anno non mancano bottiglie pregevoli e qualche mese in più di permanenza in vetro potrà solo giovare all’evoluzione dei vini.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

© 2016 ErGentili - build proudly by Stuwebmakers and Wordpress
contact: info@ernestogentili.
Privacy Policy