IL PUNTO SU BOLGHERI e SAN GUIDO

Cercherò di rimediare al ritardo di pubblicazione degli assaggi relativi al Sassicaia 2017 e Guidalberto 2018, come di altri vini bolgheresi usciti lo scorso anno, anticipando le prime impressioni sulle annate in uscita in questa stagione. Tutti ormai conoscono le difficoltà dell’annata 2017; quello che ho scritto ripetutamente sinora, anche parlando di altre tipologie e denominazioni, è replicabile per Bolgheri con un dato aggravante: i vini bolgheresi  basati prevalentemente sul cabernet (franc e sauvignon) e sul merlot, debbono fare i conti – e quadrarli, ovvero raggiungere un equilibrio – con masse polifenoliche più ingombranti di quelle che, ad esempio, si possono ricavare da un sangiovese. Il millesimo 2017, come ribadito più volte, si è trascinato da subito il problema della maturità fenolica con vini che, nonostante mille accorgimenti, mostrano secchezze e ruvidità assortite. Se un’annata del genere fosse capitata non un secolo ma solo dieci anni fa i risultati sarebbero stati probabilmente quasi tragici, ma oggi, grazie all’accresciuto bagaglio di conoscenze ed esperienze accumulato nel frattempo, è stata fronteggiata – un po’ in tutte le zone – nel modo migliore.

In buona sostanza la curiosità o stranezza sta nel fatto che ho potuto rilevare in questa annata una differenza di valori, tra i vini solitamente considerati di punta e gli outsider, assai contenuta, per non dire quasi nulla, quando, generalmente, è proprio nelle annate precarie che la forbice si allarga. Il Sassicaia 2017, tanto per non girare troppo intorno alla questione originaria, è comunque sempre in vetta alle preferenze ma, come accennato, con un margine più ristretto del passato nei confronti di altri vini.

La vera sorpresa pervenuta dalla Tenuta San Guido è data invece dall’eccellente performance del Guidalberto 2018, dalla beva freschissima ed elegante, che innesca la curiosità e l’attesa per i vini della zona in prossimità di uscita visto che l’annata presenta caratteristiche favorevoli, per una volta, anche all’affermazione dei Merlot.

Le prime, fugaci impressioni derivate dall’assaggio delle nuove annate di San Guido, come del resto è capitato per i vini de Le Macchiole (recensiti qui), sono state decisamente favorevoli….

continua per gli abbonati

I VINI DEL CASTELLO DEI RAMPOLLA

È piuttosto raro trovare un filotto di vini di livello così elevato ma, trattandosi del Castello dei Rampolla, viene meno qualsiasi forma di stupore. E se non mi ha sorpreso il fatto che il d’Alceo 2015 esibisca lampi da autentico fuoriclasse o che il Sammarco 2015 stia a ricordare quanto a Panzano anche il Cabernet sappia di territorio, sono rimasto interdetto nello scoprire che quel delizioso rosso del 2018 dal curioso, originale e divertente nome di Liù fosse un Merlot in purezza. Ora, io che predico costantemente di essere sempre liberi da pregiudizi, soprattutto quando si assaggia, debbo confessare i miei forti dubbi sulla valenza del vitigno principe della rive droite di Bordeaux coltivato dalle nostre parti (e non mi riferisco solo alla Toscana). Poi succede che da Rampolla mi propongono non un Vieux Château Certan né, tanto meno, un Petrus, ma un apparentemente innocuo Liù e le mie convinzioni un po’ vacillano. Merito di Panzano o la 2018 è davvero l’annata della riscossa del Merlot?

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

I VINI DE LE MACCHIOLE

Il successo dei vini de Le Macchiole è consolidato da tempo, i trofei si accumulano, molti produttori non farebbero altro che celebrarli, ma non Cinzia Merli che è più critica di qualsiasi critico nei confronti dei suoi vini: c’è una punta di alcol in più, il tannino non è del tutto maturo, manca l’allungo finale, un pizzico di freschezza supplementare non avrebbe guastato, si sente troppo il rovere, i profumi sono coperti e così via…Non sono parole sue ma le mie traduzioni – spero di non sbagliarmi ma conosco Cinzia da un po’ di tempo – dei suoi sguardi perplessi o delle sue smorfie che si accentuano non solo se non condivide le critiche ma anche quando c’è qualcuno che la lusinga ed esalta eccessivamente il Messorio, il Paleo o lo Scrio anche in annate che lei non trova così ben riuscite. Perché, evidentemente, cerca un confronto serio e non complimenti a buon mercato.
Parto da questa premessa perché nel resoconto degli assaggi delle annate 2017, 2018 e 2019 (le ultime due in anteprima) dei tre rossi sopra citati, le mie considerazioni (leggibili in zona abbonati) evitano le lusinghe, abbondano di apprezzamenti ma non sono esenti da critiche: sempre nel segno del confronto.

Il seguito è riservato agli abbonati.