I VINI di CORZANO E PATERNO

 

Mai diffusamente e adeguatamente conosciuta rispetto ai propri notevoli meriti, Corzano e Paterno propone da lungo tempo ormai, in un’area ai margini della zona del Chianti Classico, vini di indiscusso carattere. In passato potevano essere considerati “scorbutici” o non irreprensibili sul piano tecnico ma, con la maturità delle vigne e la crescita di esperienza dei titolari, anche questi aspetti si sono risolti e la produzione è attualmente decisamente affidabile a partire proprio dalle etichette più semplici come Il Corzanello, sia nella versione bianca che rosata, e il Chianti.

Il Corzano, blend di sangiovese e cabernet, come I Tre Borri, sangiovese in purezza, sono certamente i due rossi più importanti e tali si sono confermati anche in rappresentanza di un’annata ostica coma la 2017. Nelle note che seguono ho cercato di evidenziarne le caratteristiche ma, in sintesi, posso anticipare che proprio da I Tre Borri è arrivata la “prestazione” più convincente.

E infine chiudo, dulcis in fundo, dedicando la vetrina alla squillante qualità de Il Passito 2005. Per saperne di più basta cliccare qui.

Marzo 2017 – Vini dolci, 1

DENOMINAZIONE NOME DEL VINO ANNATA AZIENDA GIUDIZIO VOTO
Costa Toscana Aleatico Passito IGT Rezeno 2015 POGGIO AL GRILLO preciso nei profumi di amarene e fiori di campo – il grado alcolico è ben contrastato dalla ricchezza del frutto e dalla struttura tannica – l’insieme è sorprendemente piacevole e calibrato, con finale succoso e fresco 90
Montefalco Sagrantino Passito DOC Pardi 2010 Fratelli PARDI denso, molto concentrato, non molto dolce ma decisamente tannico nel finale 83
Terre Siciliane Gewurztraminer e Semillon Gianfranco Ferré 2014 FEUDI DEL PISCIOTTO sentori dalla matrice boisé di vaniglia e cioccolata bianca – impatto molto dolce sul palato, continuo, lineare ma un po’ monocorde 87
Toscana Vendemmia Tardiva IGT Oro del Cedro 2014 LAVACCHIO classico naso da tardiva, ordinato, preciso, ben fatto, gradevole – la dolcezza è misurata, non è lungo ma equilibrato 86
Vin Santo del Chianti Classico DOC Occhio di Pernice 2006 BADIA A COLTIBUONO colore ambrato intenso e sentori di noci, datteri, fichi, china, caffè – viscoso al tatto, associa il carattere all’equilibrio con finale lungo dalla freschezza balsamica 92
Vin Santo del Chianti Classico DOC Ceppeto 2007 MANNUCCI DROANDI colore accentuato, vinsanto classico anche nei profumi, ossidativo – dolce senza eccessi, piuttosto alcolico di buona persistenza finale – non fine ma di un certo carattere 87
Vin Santo del Chianti Classico DOC Villa Calcinaia 2008 VILLA CALCINAIA colore accentuato, con rilfessi rosati, profumo decisamente ossidativo, con note di zucchero filato e caramella d’orzo – sapore dalla dolcezza calibrata e finale piacevolmente bilanciato 86

Dicembre 2016 – Vini dolci assortiti

DENOMINAZIONE NOME DEL VINO ANNATA AZIENDA GIUDIZIO VOTO
Alto Adige Moscato Giallo DOC Passito Sissi 2014 CANTINA DI MERANO BURGGRÄFLER intenso, molto dolce, note caramellate e speziate, concentrato, in lieve debito di freschezza ma gustoso 87
Alto Adige Moscato Giallo DOC Passito Vinalia 2014 CANTINA DI BOLZANO profumi varietali molto intensi e nitidi, è molto equilibrato nonostante la concentrazione zuccherina elevata, lungo e succoso nel finale. 91
Alto Adige Valle Isarco Gewürztraminer DOC Passito Nectaris 2014 CANTINA VALLE ISARCO note di fiori secchi, albicocche candite, zucchero filato; è grasso, viscoso, dalla dolcezza calibrata e finale persistente.  89
Alto Adige Valle Isarco Kerner DOC  Passito Nectaris 2014 CANTINA VALLE ISARCO l’impatto è molto deciso, la spinta aromatica su un fondo florele e speziato è notevole; il sapore è molto profondo e si sviluppa in modo coordinato  93
Colli Etruria Centrale Vin Santo DOC  Recinaio 2005 SAN GERVASIO classico Vin Santo dal timbro ossidativo marcato, è intenso, ricco, lungo, ha carattere ma è un po’ monocorde  86
 Toscana V. T. IGT Losna Vermentino 2014 POGGIO ROSSO profumi calibrati e precisi da vendemmia tardiva, privo di eccessi di dolcezza, si sviluppa con regolarità e misura, con un pizzico di rovere ancora presente in chiusura  87
Toscana Passito IGT  Panizzi 2013 PANIZZI di colore dorato brillante, possiede profumi intensi di spezie, chiodo di garofano e uva passa; è denso, viscoso, dalla dolcezza calibrata, leggermente e gradevolmente amarognolo nel finale  88
Vin Santo del Chianti DOC Badia di Morrona 2010 BADIA DI MORRONA colore ambrato, naso caramellato, note di zucchero filato, gradevole, un po’ semplice 82
 Vin Santo del Chianti Classico DOC Badia a Coltibuono 2009 BADIA A COLTIBUONO datteri, fichi, frutta secca – la dolcezza è contrastata con efficacia dall’acidità e dai tannini – la combinazione è molto convincente, è succoso, elegante, pulito, delizioso nello sviluppo 91
Vin Santo del Chianti Rufina DOC Riserva Lavacchio 2010 FATTORIA LAVACCHIO note di pasticceria e zabaione, mantiene freschezza senza farsi assorbire dall’eccesso di zuccheri  84
Vin Santo di Carmignano DOC Riserva Capezzana 2009 CAPEZZANA il colore è ambrato vivo, i profumi sono tipici di un Vin Santo maturo, derivato da uve pienamente e lungamente appassite, con note di crema pasticcera, fichi e pasticceria secca; in bocca è molto intenso e concentrato, la dolcezza è elevata ma non stucchevole, l’equilibrio è sorprendente, il finale lunghissimo 95
Vin Santo di Carmignano DOC Tenuta di Artimino 2012 ARTIMINO colore particolarmente ossidativo, ha un naso da Vin Santo tradizionale con note di stuoia, paglia, mandorle, legno un po’ secco; è pulito, rigoroso, ha uno stile sobrio, privo di eccessi zuccherini 87
Le Petit Manincor 2014 MANINCOR luminoso nel colore e finissimo nei profumi di agrumi canditi, albicocche secche e fiori di pesco – una continua e vibrante spina acida rende vivacissima, stimolante e deliziosa la beva, in un sottile e quasi irresistibile gioco di contrasti e rimandi con la naturale dolcezza del vino – non è un vino da “meditazione” semplicemente perché lo bevi prima di meditare..- ottenuto da uve petit manseng (da muffa nobile infavata) vendemmiate a metà  febbraio  96