LIBERATECI DAI PREMI

Come ogni anno in questo periodo escono in libreria le nuove Guide dedicate ai vini e in rete appaiono le lunghe, sempre più lunghe, liste dei premi assegnati che in verità mi appassionano poco e neanche sto più a osservare come facevo un tempo. Un amico mi ha però stuzzicato invitandomi a dare uno sguardo a qualcuno di questi elenchi la cui diffusione, a mio parere, non promuove affatto le vendite delle pubblicazioni. 

Non mi azzardo assolutamente a criticare le varie selezioni, ognuno la pensa come vuole e in ogni caso qualsiasi appunto innescherebbe una discussione infinita e del tutto sterile. Ma non posso evitare di sottolineare che sia l’architettura editoriale delle Guide-vini nel loro complesso ad essere vetusta, ripetitiva, noiosa. Sotto accusa è proprio il “sistema premi”.

Il premio è ritenuto così importante e centrale per le Guide e la loro sopravvivenza che alcune di esse ne assegnano solo uno per azienda, evidentemente per riuscire ad accontentare un numero più alto di Cantine e non importa se un produttore ha tre o quattro vini di alto livello: un premio per uno non fa male a nessuno (escluso il lettore che non è informato adeguatamente). Ci sono addirittura Guide che non classificano i vini recensiti però assegnano premi: come la mettiamo? La domanda che nasce spontanea è: se non li classificate come fate a premiarli?

E infine l’editore, qualsiasi editore, dovrebbe idealmente alimentarsi con le vendite di libri a chi i vini li acquista, ma è ormai palese che se facesse affidamento solo su questi introiti andrebbe poco lontano. Ma non è questo il punto che mi interessa trattare, facciamo finta che sia tutto perfetto.

In pratica le Guide sono passate da essere strumento critico (con effetti anche promozionali) a strumento con ambizioni promozionali (non dimostrate) tout court. Nonostante tutto, è giusto sottolineare che ci sono persone e colleghi stimabili che continuano a profondere passione, impegno e pure competenza nella preparazione annuale di una Guida-vini – anche a loro la logica contorta del Premio finisce per non rendere merito – e che tra le pagine di queste pubblicazioni è contenuta una tale quantità di informazioni che da sola giustificherebbero il loro acquisto; eppure nell’idea di tutti una Guida serve soltanto a distribuire premi.

Certo mi rendo conto che non sia facile svincolarsi da un meccanismo che è stato finora l’asse portante del comparto, finendo con il creare una sorta di dipendenza, ma è proprio l’assegnazione dei premi a inquinare il lavoro critico e a costituire un naturale portatore di “contagio”. Non attribuire premi – e intanto smetterla almeno di pubblicare liste – non significa evitare di assegnare valutazioni, anzi tutti i vini assaggiati dovrebbero essere classificati perché una Guida, senza valutazioni e senza capacità di spiegare il motivo per cui un vino è più o meno buono, perde buona parte della propria ragione di essere. L’obiettivo di una Guida-vini non sarebbe quello di far vendere bottiglie – che sarebbe solo un’eventuale conseguenza – ma di far comprendere, apprendere, stimolare, indirizzare consumatori e produttori ad un approccio critico che possa aiutare a migliorare costantemente la qualità dei vini e, in un ciclo virtuoso, elevare la competenza dei degustatori medesimi. Avere quindi, perché no, una valenza culturale.

Ma ci vuole comunque coraggio a dare un colpo di spugna.
E se di “spugne” in giro ne abbiamo in abbondanza, di coraggio ne vedo davvero poco.

SOGNO DI FINE ESTATE

Il tema è consunto e abusato, lo so, ma non posso fare a meno di parlarne visto che spesso e volentieri si dà per scontato che tutti sappiano che le bottiglie – stesso vino e stessa annata – sono praticamente quasi sempre diverse tra loro a causa della “confezione”: un termine che sintetizza i problemi derivanti non solo dal tappo ma anche dalla forma e dalla struttura della bottiglia medesima.
Il classico sentore di tappo è un difetto ormai marginalizzato e ridotto a pochissimi casi ma aver sostanzialmente risolto questo punto debole non attenua la preoccupazione di chi produce e di chi compra vino. La coperta è corta, per qualche sentore di tappo in meno sono aumentati in misura assai più consistente altri difetti derivanti comunque da cessioni di sostanze contaminanti presenti nel sughero. Tannini ruvidi, aggressivi e sensazioni di asciugato sono presenti in tanti, troppi vini ormai e innescano talvolta affermazioni incaute che addebitano al rovere o alla gioventù del vino tali problematiche: “si al momento il tannino si fa sentire ma con il tempo vedrai che si ammorbidisce..”. Con il tempo sarà sempre peggio.
Ma ancora più subdolo è il ruolo dell’ossigeno che penetra nelle bottiglie, spesso a causa dei difetti del sughero, senza escludere quelli di fabbricazione delle bottiglie. Piccole frazioni di ossigeno che non provocano l’immediato decadimento di un vino, specialmente se ben strutturato, ma una indubbia contaminazione che tende a dare secchezza ai tannini e alterare i profumi, che appaiono così un po’ evoluti. Ma, soprattutto, con il passare del tempo accentuano le differenze tra una bottiglia e l’altra e azzeccare quella giusta al momento giusto costituisce una specie di lotteria. “Speriamo bene” è il pensiero che ricorre con maggiore frequenza al momento in cui si stappa una bottiglia importante e datata in una cena tra amici. Ovviamente gli effetti negativi e distorcenti si verificano anche in occasioni di assaggi professionali, con valutazioni che possono essere penalizzanti senza tuttavia arrivare a far sorgere il dubbio nella maggioranza dei degustatori sulla perfetta integrità della bottiglia testata.

Mi chiedo quindi se sia ammissibile nel 2022, con il controllo praticamente assoluto (e costoso) di ogni fase produttiva, dalla nascita dei germogli all’imbottigliamento, doversi affidare alla buona sorte sperando che il tappo (o il vetro) non ci tradiscano?
No, non è concepibile e dirò di più: è necessario schierarsi e non mi interessa che si utilizzino sistemi alternativi e certamente più affidabili come il tappo a vite per le bottiglie più semplici, di basso costo e consumo rapido, in quanto il sughero, nelle varie forme e varietà, va ancora benissimo per tali vini. Il problema vero e concreto è sui vini ambiziosi, quelli dal costo elevato che dovrebbero durare a lungo, perché è con queste tipologie che si verificano i casi dubbi più frequenti. Non voglio fare l’elenco delle etichette prestigiose contaminate che mi sono capitate nel tempo ma nessun vino, da Bordeaux alla Borgogna, dalle Langhe a Montalcino, ne è mai stato – e mai lo sarà – esente. E, fuori dai denti, in base ai più elementari principi economici, più il vino costa più t’incazzi se non risponde alle attese per colpa del tappo.
E allora vorrei il tappo a vite sui vini “TOP”, non su bianchi, rosati e rossi d’annata. In fondo così si salvaguarderebbe la produzione del sughero e anche l’intelligenza dei consumatori.
È l’ora di smetterla di appellarsi al magico rito della stappatura, di usare i sommelier solo per fargli annusare i tappi (possono fare ben altro) o di affermare che il pubblico non è ancora pronto per questo cambiamento. Basta, per favore!
Oltretutto il tappo a vite può far tornare di moda le caraffe da decantazione. Avete una clientela particolarmente snob nel vostro ristorante? Storcerebbe la bocca se non vedesse lo svolgimento del suddetto “rito”? Aprite con un giro di polso la bottiglia da 300 (o 3000) euro, versatela in un’elegante caraffa, magari griffata, e il gioco è fatto, l’immagine salvata, il vino beneficia dell’ossigenazione e un nuovo rito inizia.

Ma d’un tratto mi sono svegliato; ho pensato che era il caso di bermi un bel caffè ma – chissà perché – mi sembrava sapesse di tappo.

ANTEPRIMA BOLGHERI SUPERIORE 2020

Le prime impressioni ricavate dall’assaggio dei Bolgheri Superiore 2020 non sono sintetizzabili in una definizione immediata ma credo che siano rari i millesimi che non si prestano a interpretazioni articolate. Si tratta di un’annata complessivamente inferiore alla precedente ma da non sottovalutare: più nevrotica che nervosa, se vogliamo proprio assegnarle una connotazione, ma in fondo, in una denominazione dai contorni spesso noiosamente convenzionali, un certo senso di “nevrosi” traducibile in imprevedibilità può apparire addirittura vitale e caratterizzante.

Resta il fatto che la 2020 sia meno semplice da descrivere rispetto alla precedente 2019 che presentava un’omogeneità superiore e diffusa, corrispondente alla più completa maturità delle uve. Nella 2020 non c’è la stessa sensazione, un buon numero di vini appare in una fase di assestamento, il rapporto tra frutto e tannini (rovere) deve trovare in molti casi il giusto equilibrio e non è detto che ci riesca, affiora l’idea di una maturità incompleta ma con gradi alcolici elevati,  insomma questa 2020 finisce con l’essere credibile come vera anteprima nel senso che la differenza con i vini fatti e compiuti (oltre che imbottigliati, visto che non tutti lo erano) che assaggeremo tra un anno o giù di lì potrebbe essere abbastanza marcata.
Ma sarà un divario che si risolverà nella maggioranza dei casi in positivo, ovvero buona parte dei vini è destinata a salire di quota.
Il motivo principale di questa visione ottimistica non è soltanto legato alla malevola considerazione che dalla media non eccelsa emersa dagli assaggi del 2 settembre si può solo migliorare, ma è da ricercare nella pregevole freschezza e integrità rilevate nel frutto, la cui minore ricchezza tuttavia – sempre rispetto alla 2019 – non fa prevedere una longevità infinita.
E se da un lato non va sottovalutata la buona risposta ricevuta dai vini delle aziende cosiddette di seconda fascia – tanto per ricordare che aumenta l’età dei vigneti e anche la conoscenza, intesa come sapere, dei produttori che riescono a mascherare, anche con una certa dose di “fantasia”, la diversa matrice pedologica che a Bolgheri non ha un peso irrisorio – dall’altro è opportuno sottolineare che sono proprio alcune delle aziende più affermate, adagiate stancamente su una architettura stilistica che inizia a mostrare qualche crepa (vedi eccessi di alcol, tannini, rovere..), a non rappresentare più il modello virtuoso che un tempo veniva seguito con cieca fiducia.
In conclusione a Bolgheri domina la certezza di un mercato sinora premiante ma, attenzione, non statico come in passato ed è proprio nelle fasi più felici che è necessario alzare il livello di autocritica e porsi qualche sano interrogativo su come affrontare il futuro.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

Il prezzo da pagare, ovvero “Signori si nasce”

A fare il prezzo di un vino importante in passato contribuivano soprattutto la rarità e la reputazione oltre, ma in misura molto marginale, la pubblicità. In una fase successiva la pubblicità è stata quasi del tutto sostituita dalla critica la cui incidenza ha acquisito via via maggior peso fino a diventare sempre più ingombrante, con qualche deprecabile degenerazione ma con il merito di permettere a tutti i produttori, anche quelli che avevano minor forza commerciale e non potevano sostenere campagne pubblicitarie, di salire alla ribalta, avere la visibilità e l’autonomia economica per investire in modo da raggiungere livelli qualitativi sempre più alti.
Oggi si è creata una condizione per cui è nuovamente la pubblicità a sostituire la critica. In che modo? Semplice, travestendosi da critica. Si fa passare per giudizio critico solo quello che in realtà è una forma camuffata, o almeno non dichiarata, di pubblicità.
Un tempo la distinzione tra un’opinione vera e una a pagamento era palese e chiaramente evidenziata, oggi una parte del pubblico più giovane forse non sa neanche che esistono opinioni libere, o meglio, dubita che ci siano e gli sembra normale che per scrivere commenti lusinghieri su un vino ci si faccia pagare da un mondo produttivo che evidentemente ha totalmente rimosso gli effetti positivi creati da una presenza critica “sana” e costruttiva ed è spinto ad alimentare la parte “degenerata” diventando – anch’egli – sempre più consenziente e appecoronato a un sistema che finirà – come succede ormai in molti settori della nostra società – solo per allargare la forbice della ricchezza (e del potere) tra produttori e territori più e meno fortunati.

Possiamo maledire la globalizzazione del mercato che ha ampliato talmente la domanda dei vini di pregio da provocare un’impennata che ha collocato certe etichette e certe tipologie fuori misura e fuori tasca.
Possiamo inveire contro certi meccanismi di marketing che, prescindendo dalla qualità reale di un prodotto, provocano un aumento incontrollato della domanda.
Possiamo puntare il dito su chi – altro fenomeno recente e sempre più vistoso – il vino lo compra solo per specularci sopra e non per berselo.
Possiamo disquisire all’infinito se sia davvero necessario inventarsi – ripetutamente – etichette tipo la Limited Edition X o le confezioni speciali in cassette foderate di velluto e decorate da ricami dorati, con doppie magnum vendute al prezzo di un diamante.
Possiamo sdegnarci quanto vogliamo della spregiudicatezza di alcuni produttori (e soprattutto dei loro distributori) che, sfruttando il momento favorevole, hanno quintuplicato – avete letto bene, aumentato del 500% e non esagero – il prezzo del loro vino nel giro di pochi anni.

Ma si corre solo il rischio di essere tacciati di inutile moralismo.

Non resta, allora, che farne, al solito, una questione di stile e lo stile va di pari passo con la reputazione che i produttori seri si costruiscono nel tempo; non è un genere commerciabile, non si acquista sul “libero mercato” ma, alla lunga, il suo valore può rivelarsi inestimabile.
In fondo – come diceva il grande Totò – “Signori si nasce e io lo nacqui”.

© 2016 ErGentili - build proudly by Stuwebmakers and Wordpress
contact: info@ernestogentili.
Privacy Policy