Febbraio 2017 – Rossi IGT – Serie 2

Non stupitevi delle valutazioni così magnanime: ho raccolto in questa lista una serie di vini, assaggiati recentemente, che hanno ottenuto punteggi da 90/100 e oltre. Anche le prossime liste saranno, per quanto possibile, proposte sulla base di fasce omogenee di valutazione.

 

  DENOMINAZIONE NOME DEL VINO ANNATA AZIENDA GIUDIZIO VOTO

Toscana Rosso IGT

Bibbianaccio 2011 BIBBIANO

profumi (grafite, more mature) che vanno in profondità – ricco ma non sovradimensionato, potente ma non sgarbato, denso e lungo nel finale – ottimo vino, le cui origini (territorio, vitigni…) sono però di difficile individuazione – è un uvaggio di sangiovese, colorino, trebbiano e malvasia

90

Toscana Rosso IGT

Cabernet Franc 2013 VIGNAMAGGIO

profumi varietali di pepe e peperone, ma anche di iris e cannella – palato soffice, elegante, con tannini fitti dal tatto cremoso – finale lungo e arioso, di media intensità

92

Toscana Rosso IGT

Campanaio 2015 PODERE MONASTERO

molto giovane, apparentemente semplice, nitidissimo nei profumi dal fondo fruttato di maturità ottimale – è morbido, progressivo nello sviluppo, assai ben equilibrato, con tannini dolci e succosi – cabernet sauvignon e merlot

91

Toscana Rosso IGT

Cavalli – Tenuta degli Dei 2013 TENUTA DEGLI DEI

profumi intriganti di spezie orientali – ha un tatto levigato, soffice, molto bilanciato e persistente – ancora un po’ boisé nel finale ma in grado di salire di quota – cabernet sauvignon, petit verdot, cabernet franc

 91

Toscana Rosso IGT

La Pineta 2015 PODERE MONASTERO

colore intenso, frutto nitido e decise note speziate – è ancora molto giovane ma lo sviluppo è ordinato e insieme coinvolgente, ha tensione ed eleganza di fondo – pinot nero in purezza

90

Toscana Rosso IGT

Mix 36 2013 MARCHESI MAZZEI

ottenuto da un blend (mix) di numerose varietà autoctone, riesce, con l’annata 2013, a centrare l’obiettivo di una definizione stilistica fino ad oggi non del tutto percepita – è slanciato, arioso, associa la dolce maturità del frutto con la freschezza – il finale è di forte sapidità con l’aggiunta di qualche rilievo boisé

92

Toscana Rosso IGT

Sangioveto 2011 BADIA A COLTIBUONO

frutto ancora presente, cenni floreali, tabacco e note tostate del rovere – potente, pieno, continuo, sapido – il finale è lungo, piuttosto tannico ma di ambiziosa complessità

 90

Toscana Rosso IGT

Siepi 2013 MARCHESI MAZZEI

in evidente fase giovanile, si avverte infatti la presenza del rovere ma anche una convincente scioltezza della trama tannica – vino intenso, di bella struttura e dinamica, in una versione elegante del classico stile “supertuscan” – sangiovese e merlot

 91

Commenta