I VINI DEL CASTELLO DEI RAMPOLLA

È piuttosto raro trovare un filotto di vini di livello così elevato ma, trattandosi del Castello dei Rampolla, viene meno qualsiasi forma di stupore. E se non mi ha sorpreso il fatto che il d’Alceo 2015 esibisca lampi da autentico fuoriclasse o che il Sammarco 2015 stia a ricordare quanto a Panzano anche il Cabernet sappia di territorio, sono rimasto interdetto nello scoprire che quel delizioso rosso del 2018 dal curioso, originale e divertente nome di Liù fosse un Merlot in purezza. Ora, io che predico costantemente di essere sempre liberi da pregiudizi, soprattutto quando si assaggia, debbo confessare i miei forti dubbi sulla valenza del vitigno principe della rive droite di Bordeaux coltivato dalle nostre parti (e non mi riferisco solo alla Toscana). Poi succede che da Rampolla mi propongono non un Vieux Château Certan né, tanto meno, un Petrus, ma un apparentemente innocuo Liù e le mie convinzioni un po’ vacillano. Merito di Panzano o la 2018 è davvero l’annata della riscossa del Merlot?

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

I VINI DI TENUTA DEGLI DEI

Sin dagli esordi i vini di Tenuta degli Dei, indipendentemente dalle tipologie di appartenenza – dal Chianti Classico al Cavalli Tenuta degli Dei (ricavato da uve internazionali), sono sembrati ispirati e legati fra loro da un modello stilistico di riservata eleganza. E anche quando sono in gioco annate con caratteristiche più ruvide e scorbutiche, come è capitato negli assaggi della scorsa estate, il filo conduttore resta il solito: ricerca di equilibrio, compostezza e distinzione. Un esercizio di coerenza e continuità che merita di essere sottolineato.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

© 2016 ErGentili - build proudly by Stuwebmakers and Wordpress
contact: info@ernestogentili.
Privacy Policy