Benvenuto Brunello- Annata 2013, ottavo gruppo – Marzo 2018

 

In questa batteria di Brunello 2013 sicuramente non sorprende l’eccellente performance di Salvioni, ma è giusto sottolineare la qualità espressa dai vini di produttori forse meno noti, ma già autori nel recente passato di prove di rilievo, come Sancarlo, Ridolfi e Sassodisole.

In collaborazione con Claudio Corrieri.

 

BRUNELLO DI MONTALCINO DOCG 2013

 

QUERCECCHIO
Di stile tradizionale, dai toni piuttosto evoluti, con un rovere non proprio finissimo a corredo, è dotato di un suo carattere e non scade nell’omologazione.  – 84/85

RENIERI
Provvisto di un frutto maturo, ricco, sostenuto da un sottofondo minerale oltre che dal rovere, è compatto, ben fatto, ma leggermente statico. La qualità della materia depone però a suo favore e un po’ di bottiglia lo migliorerà.  – 87/89

RIDOLFI
Leggermente evoluto nei profumi dai risvolti agrumati e speziati, è scattante e saporito sul palato dove rilancia con continuità e chiude lungo, su accenni più dolci e maturi.  – 90/91

SALVIONI
L’energia interna è quasi straripante, al primo approccio tannini, rovere e acidità entrano in conflitto e qualche spigolo si avverte; la percezione dell’eleganza è distante ma abbonda la personalità e i cambi di passo si susseguono in modo incalzante. Tessitura tannica, tensione, sapidità sono gli assi nella manica del Salvioni 2013 e il finale, lunghissimo, è un’appendice confortante per un vino che se la gioca tutta in prospettiva.  – 93/96

SAN GIACOMO
Corretto, fresco ma anche un po’ magro e diluito nel finale anche se gradevole.  – 84/85

SAN POLINO
Molto intenso nel colore, corretto nei profumi, è concentrato, con eccessi tannici che comprimono lo sviluppo e confondono il carattere.  – 83/85

SAN POLINO – Helichrysum
Profumi floreali e di erbe di campo piuttosto originali; sapore di buona intensità e dinamica, continuo, non del tutto bilanciato al momento ma dal carattere non banale.  – 86/88

SAN POLO
Un po’ evoluto nei profumi, ha un impatto alcolico sul palato, un centro bocca scorrevole e poco incisivo, un finale segnato dalla presenza di tannini e acidità; manca una frazione di frutto a legare il tutto ma ha un carattere sobrio, di apprezzabile rigorosità.  – 85/86

SANCARLO
Il carattere del sangiovese è espresso con chiarezza esemplare, possiede tensione, slancio, integrità e una certa finezza d’insieme; la chiusura non è lunghissima ma lascia comunque il segno.  – 91/92

SAN LORENZO
Tonico, rigoroso, intenso, ha carattere ma, al momento, la carica tannica e la presenza del rovere sono eccessive rispetto al resto della struttura; da attendere.  – 87/89

SANTA GIULIA
Piuttosto evoluto, è condotto dalla dolcezza dell’alcol, non supportato adeguatamente dal frutto; il finale è un po’ corto ma non sgradevole.  – 83/84

SASSODISOLE
Profumi nitidamente indirizzati sulla fragranza del frutto e sapore integro, polposo, piacevolmente teso, sapido e fresco nel finale.  – 88/90

SCOPETONE
Floreale, agrumato e leggermente boisé al naso; in bocca si fa apprezzare per il piacevole contrasto, favorito dalla fresca e sottile acidità. Il finale è pulito ma un po’ semplice.  – 86/87

SCOPONE
Leggermente evoluto all’impatto, si mostra invece fresco, scorrevole, di buona bevibilità, anche se il finale manca di espansione.  – 85/86

Commenta