La Rufina in verticale, seconda parte – Febbraio 2018

 

FATTORIA LAVACCHIO

Chianti Rufina DOCG Ludié 2007
Ben maturo e leggermente boisé al naso, è potente, largo all’impatto, vigoroso, ha una spinta energica e distribuita con precisione – stilisticamente ha un carattere originale e diverso da i Rufina più tradizionali; il potenziale di longevità è comunque rimarchevole. Voto 88.

Chianti Rufina DOCG Ludié 2011
Scuro nel colore, fruttato e speziato al naso, ha un approccio forte, molto deciso, imperniato su una struttura voluminosa e ricca che concede poco spazio alle sfumature e ai dettagli; da attendere. Voto 86.

 

PODERE IL BALZO

Chianti Rufina DOCG Riserva Podere Il Balzo 2011
Intenso, maturo e ricco al naso con sentori di confetture di ciliegie; il sapore è rigoroso, volitivo ma ancora tannico con una leggera invadenza del rovere. Voto 85. 

Chianti Rufina DOCG Riserva  Il Balzo 2012
È l’unico 2012, annata evidentemente non facilissima nella Rufina, presentato in degustazione ed è un aspetto che va a tutto merito dell’azienda. I profumi propongono note ben mature di prugne, china, liquirizia, spezie orientali; il sapore è polposo e insieme piacevolmente arioso, lo sviluppo continuo e solo in chiusura presenta una scia tannica ancora ben viva. Nel complesso è un vino di carattere che può migliorare con la permanenza in bottiglia. Voto 88.

  

SELVAPIANA

Chianti Rufina DOCG Riserva Bucerchiale 2009
Profondo e intenso al naso, con note di liquirizia e cenni balsamici; in bocca è potente, compatto, progressivo nello sviluppo, lungo e deciso nel finale. Un Rufina di carattere e di forte presa sul palato che, con il tempo, mostrerà un volto più docile e meno arcigno. Voto 90. 

Chianti Rufina DOCG Riserva Bucerchiale 2013
Articolato nei profumi su più fasi dai toni floreali e speziati; ha un impatto sul palato sciolto, fresco ed elegante, continuo e dinamico, dotato di tannini incisivi e di un finale lungo e promettente. Voto 92.

 

TRAVIGNOLI

Chianti Rufina DOCG Riserva Tegolaia 2007
Aperto su piacevoli profumi di spezie fresche e fiori macerati; in bocca è maturo, rotondo, dalla struttura molto ben equilibrata e un finale lungo, privo di flessioni e spigolosità. Un Rufina di matrice elegante e adeguatamente “civilizzata”. Voto 90. 

Chianti Rufina DOCG Riserva Tegolaia 2008
Unico vino presente in rappresentanza della non facile annata 2008. I profumi mostrano un gradevole timbro speziato unito a sentori di erbe aromatiche; il sapore è un po’ stretto, aguzzo e leggermente vegetale, ma anche fresco e slanciato, in linea con le caratteristiche del millesimo. Voto 86.

 

FRESCOBALDI

Chianti Rufina DOCG Riserva Montesodi 2006
Profumi di frutti neri, grafite, spezie, combinate con una forte impronta boisé; concentrato ed estrattivo, è un Rufina più aderente ai canoni del vino internazionale che ai riferimenti classici della tipologia. La struttura è, comunque, poderosa e in grado di reggere a lungo nel tempo. Voto 86. 

Toscana Rosso IGT Montesodi 2011
Abbandonate le vesti della denominazione e diventato IGT, il Montesodi ha cambiato abito anche stilisticamente, riappropriandosi di un carattere territoriale decisamente significativo. Floreale e speziato al naso, esprime il calore dell’annata con un passo elegante e misurato, con finale lungo e arioso. Voto 92.

Commenta