CESANI, LA VERNACCIA DI SAN GIMIGNANO E IL CARATTERE

L’affermazione del carattere in un vino – percepibile grazie all’emergere deciso di un aspetto, gustativo o aromatico, particolarmente spiccato e prevalente rispetto al resto dei componenti strutturali – va spesso a scapito dell’equilibrio complessivo. Solo le grandi annate o i vini di grande classe riescono a creare i fondamenti per la fusione di questi elementi apparentemente contrapposti. È sicuramente più frequente che avvenga l’esatto contrario e, quindi, di avere a che fare con vini che hanno poco equilibrio e ancor meno carattere. In molti casi, i vini precisi, lineari, ben bilanciati, difettano in carattere e altri, riconoscibili e ricchi di personalità, non sempre riescono a rispettare il giusto senso delle proporzioni.
Le Vernaccia di San Gimignano di Letizia Cesani corrispondono indubbiamente e senza compromessi a quest’ultimo profilo. La ricerca del carattere e della rispondenza alla tipologia costituiscono un obiettivo primario e imprescindibile per l’azienda di Pancole e la Riserva Sanice ne è la rappresentante più fiera.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

Commenta