Vernaccia di San Gimignano, le Riserve

 

Vernaccia di San Gimignano, le Riserve

La rassegna annuale degli assaggi dedicati alla Vernaccia ed effettuati con la collaborazione di Claudio Corrieri, si è conclusa con la pubblicazione del Report riservato alla tipologia Riserva. I vini recensiti sono 15* in rappresentanza di più annate, con prevedibile prevalenza del millesimo 2016.

Le attese nel complesso non sono state deluse, i vini migliori posseggono un carattere ben definito e riconoscibile, dove le principali varianti sono costituite dalle diversità pedologiche dei singoli vigneti e dallo stile adottato dai produttori.

Il vino più significativo dell’agguerrita selezione è una vecchia conoscenza dell’enologia sangimignanese, ovvero la Riserva Panizzi (annata 2015). Una Vernaccia dalla storia gloriosa che da qualche anno, pur ben figurando, non appariva al vertice assoluto della denominazione, ma che in pochi mesi è salita di tono, rispetto ai già lusinghieri riscontri avuti alle Anteprime di febbraio, acquisendo un’armonia e una complessità ammirevoli.

*delle seguenti aziende:
Casa alle Vacche, Casale-Falchini, Cesani, Fattoria San Donato, Guicciardini Strozzi, Il Colombaio di Santa Chiara, Il Palagione, La Lastra, Panizzi, Pietrafitta, Poggio Alloro, Signano, Tenuta Le Calcinaie, Tollena, Vagnoni.

 

Commenta