ASSAGGI SPARSI 2020 (BOLGHERI) N. 26

L’ennesima puntata di “Assaggi Sparsi” torna a raggruppare un consistente numero di aziende bolgheresi – Campo al Mare, Campo al Pero, Casa di Terra, Fornacelle, Guado al Melo, Giorgio Meletti Cavallari, Mulini di Segalari, Podere dei Musi, Podere Sette-, anche se di alcune di esse ho recensito solo un vino. Al di là della buona qualità espressa (altrimenti non le avrei recensite), emerge una traccia di dinamismo stilistico che rende l’insieme gustativo bolgherese meno prevedibile e scontato di quanto si creda.
Cerco di spiegarmi meglio. Quando si parla di Bolgheri l’immagine gustativa ricorrente e prevalente è di vini di stile internazionale, ben strutturati e tecnicamente ben fatti ma carenti in carattere e originalità. Ebbene, se una parte dei vini di questo gruppo è ancora saldamente legata a questa rassicurante e convenzionale concezione, sull’altro fronte emergono vini probabilmente migliorabili sotto il profilo tecnico ma con qualcosa di diverso da comunicare sul piano della personalità.
Basta dare un’occhiata alle note di assaggio per intuire chi possiede queste prerogative.

Seguono, per gli abbonati, le note di assaggio.

Commenta