Coniale 2015 Poderi Castellare

 

Toscana Rosso IGT Coniale 2015 Poderi Castellare

L’ultimo Report pubblicato – ASSAGGI SPARSI N. 7, Vini Rossi IGT – è particolarmente ricco di recensioni. Ben 52 sono infatti i vini* valutati e provenienti da 42 aziende presenti nel territorio chiantigiano. Su un numero così ampio di vini che hanno superato la selezione i motivi di interesse sono molteplici per cui segnalerò “in chiaro” quelli che mi sono sembrati più significativi.

Inizierò pertanto dal Coniale dei Poderi Castellare di Castellina, un Cabernet Sauvignon che mi ha particolarmente colpito, come ribadisco nelle note che seguono:

sorprendente, è la migliore versione di Coniale (cabernet sauvignon in purezza) che abbia mai assaggiato, intenso e nitido nei profumi di spezie orientali, cassis e cedro, è morbido, continuo, molto lungo ed espressivo nel finale. La maturità del frutto e dei tannini è ottimale, il fondo sapido è garanzia di carattere e di un senso di identità che va al di là del varietale. Eccellente.
 

 

*delle seguenti Cantine:
Barone Ricasoli, Borgo Scopeto, Candialle, Capannelle, Castello d’Albola, Castello di Ama, Castello di Cacchiano, Castello di Querceto, Castello di Volpaia, Cennatoio, Castellare, Fattoria di Rignana, Fèlsina, Folonari-Nozzole, Fonterutoli-Mazzei, Gagliole, Isole e Olena, La Madonnina, Lilliano, Lornano, Machiavelli, Montecalvi, Panzanello, Podere Capaccia, Podere L’Aja, Poggerino, Poggio al Sole, Pomona, Querciabella, Riecine, Rocca di Castagnoli, Rocca di Montegrossi, San Felice, Tenuta degli Dei, Tenuta di Arceno, Tenuta di Carleone, Terrabianca, Tolaini, Val delle Corti, Vallepicciola, Vignamaggio, Villa Calcinaia.

Commenta