Orvieto Campo del Guardiano PALAZZONE

 

Orvieto Classico Superiore DOC Campo del Guardiano PALAZZONE

Quanto tempo è passato da quando avete bevuto un bianco di Orvieto? Se lo bevete tutti i giorni e ne siete convinti sostenitori troverete, leggendo le note che seguono, buoni motivi per continuare ad esserlo; se invece neanche ricordate quando vi è capitato di avere avuto a tavola una bottiglia di Orvieto doc, è una buona occasione per ricredervi.

L’attore principale, ben conosciuto dagli addetti ai lavori e non solo da chi ha familiarità con la tipologia, è il Campo del Guardiano dell’azienda Palazzone, un Orvieto che ho testato più volte a distanza di tempo con le annate 2008, 2011 e 2014.

Il resoconto completo è leggibile sull’omonimo Report riservato agli abbonati, ma intanto riporto il primo dei due assaggi dell’annata 2011 risalenti entrambi al 7 febbraio, con la differenza che il primo è avvenuto nel 2017 e il secondo nel 2020.

Assaggio febbraio 2017:
intenso nel colore, profuma di fiori secchi, buccia di agrumi, spezie orientali; in bocca mostra una polpa ricca, continuità, sapidità e una sorprendente lunghezza finale. Tonico e ben articolato, a distanza di oltre cinque anni dalla vendemmia non mostra segnali di cedimenti ossidativi.

Assaggio febbraio 2020:…

Commenta