V. d. G.: Chianti Classico G. S. Solatìo 2016 Castello d’Albola

Chianti Classico Gran Selezione Solatìo 2016 CASTELLO D’ALBOLA

Anche se pare aver avuto una qualche efficacia sul piano commerciale, la creazione della Gran Selezione non ha minimamente contribuito a chiarire le differenze stilistiche tra le varie tipologie di Chianti Classico, anzi, visto che ogni azienda ne ha proposto interpretazioni diverse, ha provocato solo una frammentazione di generi e modelli francamente poco comprensibile. Al Castello d’Albola, come del resto in altre aziende, è prevalsa invece l’apprezzabile scelta di puntare sulla precisa caratterizzazione dei singoli vigneti.
E così se il Santa Caterina si fa apprezzare per le sue morbide rotondità e l’intensa dolcezza del frutto, il Marangole rivela un profilo delicato, elegante, dai profumi di visciole e rosa canina che evocano il gusto sfumato e sottile di certi pinot noir. Chi cerca però un vino dal carattere visceralmente chiantigiano o, più precisamente, “raddese” può trovare la bottiglia giusta nel Solatìo, grazie al suo gusto sapido e profondo, modulato su contrasti, tensioni elastiche e rilanci decisi.

Commenta