V. d. G. : Rosatico 2018 Poggio al Grillo

COSTA TOSCANA IGT Rosatico 2018 POGGIO AL GRILLO

Normalmente associati a spensierate bevute estive, i vini rosati hanno una vita effimera e quando riaprono le scuole o chiudono i bagni sul mare, terminano il loro ciclo anche i consumi del rosato. Questa sarebbe l’abitudine consolidata da anni ma, se si continua a bere birra anche d’inverno, perché non continuare con il rosato? Perché – questa è la risposta ufficiale – è un vino buono solo in fase giovanile, quando esprime più compiutamente il suo carattere fruttato, poi perde fragranza e decade rapidamente. D’accordo, è vero, spesso è proprio così.

Però ho voluto provare, fuori periodo, uno di quei rosati che mi piacciono maggiormente, vale a dire il Rosatico di Poggio al Grillo che è prodotto a Bolgheri dove, un tempo, il rosato era l’unica tipologia di vino presente e oggi è quasi sparita. Il Rosatico è un vino particolare, anzi parti’olare (tanto per scrivere come parlo), soprattutto perché è realizzato, in purezza, con uve aleatico che per il loro naturale bagaglio terpenico apportano una ricchezza aromatica inconfondibile ma talvolta persino stucchevole. Un po’ come succede con certi traminer.

E quindi? Ebbene, sarà grazie alle caratteristiche di freschezza dell’annata 2018 o delle vigne sempre più mature o alla capacità dell’enologo – di cui non svelo il nome ma chi lo indovina vince un pollice alzato – dato che non è così semplice fare vini secchi e bilanciati con l’aleatico, il Rosatico 2018, dicevo, dopo aver giostrato nei suoi primi mesi di vita con profumi segnati da lampi floreali e lamponi (nel senso del frutto) con l’aggiunta preziosa di fragoline di bosco, ha ora virato su un’inebriante essenza di rose; il frutto è sullo sfondo dove affiora timidamente anche una traccia evolutiva di stampo idrocarburico. Il sapore è meno estroso dei profumi, più lineare e affidabile, fresco senza essere pungente, morbido senza essere dolciastro, con una perentoria coda sapida a contrastare gli svolazzi aromatici.
Si fa prima a berne una bottiglia intera che a scriverne. Anche se l’estate è ormai passata.

Commenta