Toscana Sangiovese IGT 2013 – Dicembre 2017

Leggermente sottovalutata a vendemmia conclusa, l’annata 2013 finirà con l’essere considerata tra le più brillanti e convincenti di questo secolo. Come dimostrano anche buona parte dei Sangiovese recensiti in questa occasione. E, per una volta, debbo dire che ci sono più conferme che sorprese.

 

Colli della Toscana Centrale IGT Anfiteatro 2013 VECCHIE TERRE DI MONTEFILI
ha profumi di ribes, spezie e tabacco; in bocca presenta una struttura robusta, compatta, rinvigorita dal nerbo acido ma rallentata dal vigore dei tannini – più potente che fine ma di convincente rigorosità  – 89

Colli della Toscana Centrale IGT Flaccianello della Pieve 2013 FONTODI
arioso all’impatto, è intenso e continuo nello sviluppo, ricco nella dotazione di frutto con tannini esuberanti e succosi ; il finale è profondo, ancora un po’ tannico ma molto lungo con notevole potenziale di longevità e complessità  – 93

Colli della Toscana Centrale IGT La Corte 2013 CASTELLO DI QUERCETO
scuro nel colore, ha profumi di frutti neri e note boisé; in bocca è intenso, saporito, indirizzato sul contrasto frutto-tannini con un effetto anche piacevole, ma con limiti di riconoscibilità territoriale  – 86

Toscana Rosso IGT Dedicato a Benedetta 2013 FIETRI
morbido e bilanciato, spinge con efficacia in profondità con qualche tratto più “verde” in rilievo;la  precisione tecnica e la freschezza congenita lo caratterizzano in positivo  – 89

Toscana Rosso IGT I Sodi di San Niccolò 2013 PODERI CASTELLARE
il frutto è ricco e integro e accompagnato da profumi dal timbro speziato; in bocca è agile, equilibrato, dinamico e allunga con continuità e progressione per un finale fresco e coerente  – 92

Toscana Rosso IGT La Gioia 2013 RIECINE
è stranamente evoluto, con note dolciastre di tabacco biondo e confetture in evidenza; in bocca conferma queste caratteristiche con una chiusura che risente della dolce presenza del rovere  – 86

Toscana Rosso IGT Le Viti di Livio 2013 FATTORIA DI LAMOLE
il rovere è in chiara evidenza con note anche dolci di vaniglia, ma il vino possiede un’energia naturale che lo sostiene e lo spinge – da attendere  – 86

Toscana Rosso IGT Percarlo 2013 SAN GIUSTO A RENTENNANO – MARTINI DI CIGALA
di forte salinità, è potente e reattivo, generoso all’impatto e in tensione elastica nello sviluppo, non lascia la presa e rilancia; ancora molto giovane, dal carattere indomito e dalla prospettive luminose  – 94

Toscana Rosso IGT Petresco 2013 LE CINCIOLE
intenso e tonico, è forte e saporito, ha contrasto, sapidità ed energia; il finale è ancora un po’ tannico e austero ma ha carattere indubbio  – 90

Toscana Rosso IGT Riecine 2013 RIECINE
profumi un po’ evoluti e sapore di stampo classico, dal fondo elegante e caratteristico; a centro bocca si avverte qualche passaggio a vuoto che dà spazio all’acidità, ma sul piano stilistico è sempre un vino emblematico  – 89

Toscana Rosso IGT Sodi Lunghi 2013 VAGNONI
ben fatto, equilibrato, è un po’ semplice ma sostenuto da un’acidità bilanciata che dona freschezza al finale  – 85

Toscana Sangiovese IGT Donna Mingarda 2013 COLLINE SAN BIAGIO
l’ingresso sul palato è fresco, sviluppa sapidità e tensione anche se l’acidità lo disunisce leggermente; il finale è ancora boisé ma il carattere da sangiovese è sincero e apprezzabile  – 86

Toscana Sangiovese IGT Neitea 2013 MORMORAIA
non del tutto espressivo al naso, mostra compostezza e linearità sul palato; è arioso, leggermente ruvido in chiusura ma non manca di carattere  – 85

Commenta