I VINI DI ROCCA DI CASTAGNOLI

Alcuni mesi fa avevo accennato qui all’exploit straordinario – confermato da una seconda bottiglia provata pochi giorni fa – della Gran Selezione Stielle 2016 di Rocca di Castagnoli, ma dato che i vini della proprietà dell’avvocato Calì recensiti quest’anno sono addirittura sei e tutti assai meritevoli, non posso evitare di tornare a parlarne. Certamente non rivelo niente di nuovo a ricordare che l’azienda è condotta con perizia da diversi anni e che l’altitudine dei vigneti – anche oltre i 500 metri – poteva essere un tempo motivo di preoccupazione per le ovvie difficoltà a raggiungere maturazioni adeguate, ma costituisce oggi un grosso punto a favore, visto il mutamento delle condizioni climatiche. Vogliamo poi aggiungere il vantaggio di risiedere in un territorio come Gaiole che, seppur articolato in varie e diversificate microzone, evidenzia anno dopo anno i suoi innumerevoli pregi? Insomma, i motivi del successo sono molteplici e c’è solo da sperare che si confermino a lungo.

Seguono, per gli abbonati, le note di degustazione.

Commenta